Caffè e sigaretta: binomio da evitare? I rischi

caffè-e-sigaretta

Caffè e sigaretta, vizio piacevole e dannoso

Parafrasando Oscar Wilde, resistere alle tentazioni è la cosa più difficile di questo mondo, e il binomio caffè e sigaretta è sicuramente uno di questi, unendo tabagisti e caffeinomani in un piacevole, quanto ferale abbraccio. Già la sigaretta alla mattina sottopone a un grande stress il nostro organismo, a partire naturalmente dai polmoni, e se ci aggiungiamo il caffè, che di per sé certo non fa male, i problemi aumentano considerevolmente. Secondo molte ricerche mediche effettuate nel corso degli anni, caffè e sigaretta è un binomio in grado di generare diverse patologie anche molto gravi, e come tutti gli eccessi alla lunga si rischia di pagare un conto salato. Non solo quindi fumare appena svegli e poi nel corso di tutta la giornata, fa decisamente male alla salute, ma anche la combinazione con il caffè produce notevoli effetti controproducenti.

Il rischio cardiovascolare di caffè e sigaretta

Se molti consumatori diranno che non c'è niente di meglio di caffè e sigaretta per dare il giusto relax quando abbiamo davanti a noi una giornata stressante, la scienza medica purtroppo offre responsi ben diversi, in particolare per il sistema cardiovascolare. Il caffè corretto con la nicotina aumenta considerevolmente la possibilità di ingenerare l'irrigidimento dell'aorta, influenzando negativamente la pressione del sangue, con un sensibile aumento del rischio di infarto. Se è facile affermare che smettere di fumare sarebbe un importante passo verso il raggiungimento di una piena salute cardiaca, la conclusione medica sorprendente per certi versi è che, se proprio non si riesce ad abbandonare la dose quotidiana di nicotina, bisognerebbe avere l'accortezza di non associarle mai al consumo di caffè ed anche di bevande a base di caffeina. Tuttavia il rischio cardiovascolare non è l'unico problema derivante dal consumo contemporaneo di caffè e sigaretta.

Caffè e sigaretta: il rischio Parkinson

Tra i gravi rischi che si incorrono con questo binomio tra le bionde e la caffeina vi è un'analisi compiuta ai primi anni del Duemila dei dati epidemiologici sulla correlazione tra fumo di sigaretta, consumo di caffè e rischio di sviluppare la malattia di Parkinson: sulla scorta di alcuni studi effettuati, vi sarebbe un'intensa correlazione tra caffè e sigaretta con questa terribile patologia neurodegenerativa, caratterizzata da un'evoluzione lenta ma inesorabile, che coinvolge soprattutto alcune funzioni primarie del nostro organismo quali il controllo dei movimenti e dell'equilibrio.

Esiste il rischio cancro?

Più controversa è la presunta correlazione tra il binomio caffè e sigaretta con il cancro: ha fatto molto discutere poco tempo fa un'azione legale promossa in California contro le principali catene di caffetterie, secondo cui anche il caffè dovrebbe esporre un'etichetta dove sia esplicitamente indicato il rischio di cancro, analogamente alla sigaretta, e sappiamo quanto gli Usa siano stati pionieri nella battaglia al tabacco. Motivo del contendere è l'acrilammide, una sostanza chimica che viene generata durante la torrefazione ad alte temperature, e che potrebbe potenzialmente tramutarsi in una sostanza cancerogena, e associata alla sigaretta è facile capire quanto il rischio tumorale potrebbe diventare elevato. Tuttavia nella comunità scientifica vige molto scetticismo circa la natura cancerogena del caffè, il cui consumo se moderato non dovrebbe esporre assolutamente a nessun problema di salute di questo tipo. Inoltre l'acrilammide si trova anche in molti alimenti quali patatine fritte, salatini, biscotti, cracker e diversi altri prodotti, e diversi studi effettuati studi finora non sono stati in grado di provare che l'esposizione nel cibo all'acrilammide porti con sé il rischio di cancro. In conclusione l'associazione di caffè con sigaretta comporterebbe indubbiamente una serie di rischi per la salute, al netto degli allarmismi e delle intemerate sensazionalistiche non sempre suffragate da certezze scientifiche, per cui sarebbe bene quanto meno evitare la loro assunzione in contemporanea, per quanto piacevole possa risultare al consumatore.

Cialde e capsule, spediamo in tutta Italia!